Stili di vita

Educazione sanitaria, abbiamo perso due generazioni

Ebbene si, dopo essermi laureato nel 1981, entrato da subito nel sistema SSN (le mutue come medico di famiglia), inizialmente ho lottato con i pazienti per fargli capire che il vecchio sistema a “ notula” non era più in essere ed era stato sostituito dalla “ quota capitaria”, quindi non serviva più dire al medico “ dott si marchi la visita”,poi però sono venute le Note AIFA/CUP, poi i bollini sulle ricette, poi le esenzioni non solo per patologia ma anche per reddito, poi i Piani Terapeitici, poi i farmaci genericati etc etc, nel contempo si aumentava l’offerta con gli screening, nuove tecnologie di esami eco, tc, rmn, scintigrafia, pet etc etc, le tv nazionali e locali e i quotidiani moltiplicavano le ore di trasmissioni con argomenti sulla “ salute”, e sempre nel contempo l’università introduceva il n° chiuso per i futuri aspiranti medici, e invece che migliorarne le ore di apprendimento, sostituiva nella maggior parte dei casi all’esame orale gli esami con quesito scritto a risposte multiple, e per molte materie del corso, invece che fornire maggior frequenza in corsia riconduceva il tutto ad ottimi libri di anatomia semeiotica etc etc, e via via proponeva sempre più ad una cultura umanistica quella tecnologica.

Il risultato ad oggi , a mio avviso è quello di essersi fermati riguardo all’educazione sanitaria a due generazioni fa.

Un esempio

Lunedi viene in studio un mio giovane paziente di anni 18, mi dice che nella notte ha avuto un malessere con vomito nausea vertigine, e al momento gli residua nausea, e acidità gastrica.

Mi dice “ la mamma mi ha mandato da lei per fare gli esami di laboratorio tutti anche quelli per le intolleranze alimentari e anche un ecografia oppure una risonanza.

Gli chiedo “ quanti anni ha tua mamma?”

mi risponde 51 anni

Lo visito ma non rilevo nulla solo un po’ di meteorismo addominale e un risentimento gastrico alla palpazione profonda

Gli chiedo cosa hai mangiato ieri sera

Mi dice “ una pizza con salame piccante wurstel , ma la mangio sempre, .

Chiedo hai bevuto? Si mi dice, prima della pizza uno Spritz e anche una caypirina, poi due birre mangiando e dopo siamo usciti e ho bevuto due cubalibre, poi ho preso la moto ,faceva freddo , sono andato a casa ma dopo un’ ora mi sono sentito male.

Gli dico se anche altre volte ha mangiato gli stessi alimenti e non hai avuto nulla, non pensi che forse non sia una intolleranza ma forse più una congestione? Magari anche perchè hai bevuto troppo, e su questo ci mediterei un po’ sopra.

Comunque stai a digiuno per 24h, prendi questi fermnenti lattici e un po di biochetasi e bevi solo un po’ di acqua e alloro.

Mi dice va bene, anche mia nonna mi ha detto di fare così.

Gli chiedo “ quanti anni ha tua nonna ?

Mi dice 81 anni

Molto saggia la nonna , mi conferma una mia convinzione.

Comunque segui i miei consigli e telefonami fra due giorni

Oggi mi arriva un sms “ salve dott, mi sono completamente ristabilito, grazie”

Ecco perchè ci siamo fermati a due generazioni fa.

M.Malatesta

Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close