Salute

Primi casi di influenza.

Occorre accelerare nel processo di vaccinazione.

Influenza accelera, 185mila italiani già a letto. Bartoletti (FIMMG): vaccini siano distribuiti presto in tutte le ASL

Sono già 185.000 gli italiani colpiti e costretti a letto a causa dell’influenza e, anche se il virus è ancora ai livelli di base ed il picco si attende per dicembre, il malanno di stagione ha iniziato la sua ‘corsà e nell’ultima settimana ha fatto registrare 67.000 nuovi casi. Questi i dati del secondo bollettino Influnet dell’Istituto superiore di sanità (Iss) dall’inizio della sorveglianza da parte dei medici sentinella a fine ottobre, mentre si sta avviando nelle varie regioni italiane la campagna di vaccinazione promossa dal ministero della Salute. Nell’ultima settimana, rileva l’Iss, l’incidenza totale dell’influenza è pari a 1,11 casi per mille assistiti, con 67.000 nuovi casi per un totale, dall’inizio della sorveglianza, di circa 185.000 casi. Nella fascia di età 0-4 anni l’incidenza è la più alta ed è pari a 2,00 casi per mille assistiti, nella fascia di età 5-14 anni a 0,85, nella fascia 15-64 anni a 1,22 e tra gli individui di età pari o superiore a 65 anni a 0,78 casi per mille assistiti. Secondo gli esperti, quella di quest’anno sarà una epidemia influenzale di intensità media e costringerà a letto 3-5 milioni di italiani.

In Italia nell’ultima settimana ci sono state 67 mila persone finite a letto per l’influenza, significa 185 mila in totale con l’arrivo dell’autunno. A Roma e nel Lazio in totale l’incidenza è dello 0,67 per cento sul totale del campione, la stima è di circa 20 mila persone ammalate.

«È stato individuato quello di tipo A H3N2, che nel Regno Unito ha dimostrao di essere molto insidioso per la popolazione anziana, soprattutto per le complicazioni di tipo respiratorio» ha spiegato Pier Luigi Bartoletti, vice segretario nazionale della FIMMG, al quotidiano Il Messaggero. Cosa deve fare chi che appartiene a una delle categorie per cui è prevista la vaccinazione antinfluenzale gratuita? Semplicemente andare dal medico di base e chiedere la vaccinazione, «anche se – precisa Bartoletti – speriamo che rapidamente i vaccini siano distribuiti in tutte le Asl, perché in alcune aree ancora c’è carenza». Ovviamente, per chi non ha diritto alla vaccinazione antinfluenzale gratuita può acquistare il vaccino in farmacia. Quanti vaccini saranno distribuiti quest’anno? Come detto in tutto il Lazio saranno un milione, così divisi in base ai territori: a Roma 550 mila dosi; in provincia di Roma 200 mila; nell’Asl di Frosinone 100 mila; nell’Asl di Latina 115 mila; nell’Asl di Rieti 31 mila; nell’Asl di Viterbo 65 mila. Concludono all’assessorato regionale alla Sanità: «È necessario consolidare e incrementare i risultati raggiunti l’anno passato e per farlo sono state incrementate le dosi del vaccino a disposizione che saranno distribuite grazie all’impegno di oltre 5 mila medici tra medicina generale, pediatri di libera scelta e i servizi vaccinali delle Asl».

www.fimmgnotizie.org/web/html/client.aspx?did=176&nid=20836

www.lavocedelmiomedico.it

Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Close